Cart empty


logo cultural cannibals

Tuesday, 30 May 2017 21:40

La Cultura, è commestibile?

Veramente interessante questo Cultural Cannibals Blog, che sicuramente crea emozione e interesse fin da subito, con questo logo di due libri che si sbranano.

 

E comunque non è forse vero che... l’appetito vien mangiando?

Oltre all’acquolina che mi sento già arrivare in bocca, sento che si stanno animando e allarmando tutte le sinapsi del mio Pc cerebrale, impaziente di gettarsi in questa bella Recherche.

In un attimo, vengo assalito dalle immagini di Oscar Kiss Maerth, autore del famoso, quanto introvabile, “Il principio era la fine”, un libro che ha come sottotitolo ... svelato il mistero dell’origine dell’uomo, l’intelligenza è commestibile.

Involontario scrivano d’un messaggio inviato da forze celesti, il Maerth racconta le vicende di quel “benedetto” ibrido che è stato il nostro progenitore, divenuto cannibale per questioni di sopravvivenza.

Il cervello delle scimmie che uccide per non venire sopraffatto, e di cui si sfama, diventa per lui vera e propria droga oltre che portentoso afrodisiaco.

A lungo andare questo consumo psicofagicostupefacente gli fa aumentare le proprie capacità di comprensione del mondo, quindi è vero... l’intelligenza è commestibile = La Cultura, è commestibile!

Una droga di cui non se ne può fare a meno e che, fortunatamente, di sicuro non abbruttisce.

Ma il mio cervello ormai non si ferma più e non smette di macinare immagini.

Adesso m’assale con gli scritti del sig. Gurdjieff, forse perché ho appena tirato in ballo certi poteri afrodisiaci che, secondo il Maerth, andrebbero ad accrescere, esponenzialmente, il desiderio sessuale.

Il sig. Gurdjieff. diceva che: “Tutto ciò che fanno le persone è in relazione con il sesso: la politica, la religione, l'arte, il teatro, la musica, tutto è “sesso”. Credete voi che la gente vada in chiesa per pregare, o al teatro per vedere qualche nuova rappresentazione? No, questi non sono che dei pretesti. La cosa principale, a teatro come in chiesa, è che si possono trovare delle donne e degli uomini. Ecco il centro di gravita di tutte le riunioni. Che cosa è che conduce la gente nei caffè, nei ristoranti, alle feste di ogni sorta? Una cosa sola: il Sesso."

Immodestamente, allora, suggerirei al nostro carissimo Editore FONTANA ... Sex Cultural Cannibals Blog, visto che il sesso sembra essere madre/padre della Intelligenza/Cultura, il motore del nostro mondo.

E allora sotto ragazzi, dai ... mangiamoci tutti insieme!

Read 1117 times

Additional Info

  • relate books:

Related items

  • Heating the Substance Again. Distillation Circulation Coobation Heating the Substance Again. Distillation Circulation Coobation

    The distillation has something magical, we can’t figure out why a substance gets refined through heat and the passing in another container, or even circulating, which is rising and falling in the same glass balloon.

  • The alchemist stripped bare in the bachelor 2 The alchemist stripped bare in the bachelor 2

    Continue from part one - In the course of this journey the Bachelor’s desires will be constantly threatened by two imposing castrating machines that symbolize the Bachelor’s onanistic activity: the Water Mill, whose seesaw movement controls the aperture of the castrating Scissors, and the Chocolate Grinder, whose gyratory movement produces “milk chocolate.”[43] Let us notice that the Scissors rest on the tip of the sharp Bayonet that rises threateningly from the heart of the Chocolate Grinder.

  • The alchemist stripped bare in the bachelor 1 The alchemist stripped bare in the bachelor 1

    The alchemist stripped bare in the bachelor (article from Nitrogeno 2)

    Even If I have ever practiced alchemy, it was in the only way it can be done now, that is to say, without knowing it.[1] -Marcel Duchamp

    The Philosopher’s stone is nothing more or less than that which was to enable man’s imagination to take a stunning revenge on all things.[2] -Andre Breton

  • Philosophical transactions II Philosophical transactions II

    [1]We have seen how the famous Philosophical Transaction review’s issues - that we alchemists can still use to get many operational information - were reports of research and scientific insights that began to be published even before the founding of the Royal Society, and we have seen how these notes, handwritten at first, came from a circle of philosophers-scientists such as Hartlibb and Boyle - who were inspired by Newton along with Starkey - as well as Ashmole and the son of the celebrated alchemist William Oughtred,[2] whom we will discuss in the next issue, given that he was a keen observer of the formation of the philosophical mercury through the dew, theme that Fleischer commented abundantly in one of his texts, to the point to become a commentator of Ougthred’s research.[3]

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

SUBSCRIBE TO OUR NEWSLETTER!

and get the latest on News - Events - Offers!

x