fbpx
Cart empty


logo cultural cannibals

Poetry from Africa. Asante Sana Source: www.lifegate.it
Friday, 03 August 2018 15:01

Poetry from Africa. Asante Sana

Poetry from Africa. Asante Sana

I observe this brick-coloured snake

fleeing car lights

crawling around the forest

still shrouded in the darkness of the night.

The thoughts, oddly, are few

And this time they reach me hesitantly,

With a great desire to run away immediately,

Without even asking for my leave.

I feel two eyes watching us in the darkness.

“Stop the car” I tell Deo, my driver

and we take on board an Ancient man

a Masai wayfarer, regal, impressive,

With very beautiful… androgynous features.

I feel sure that he is my way to the Sacred.

At the same time I hold on tight to the handle of the car

so I do not forget my body

as you taught me, Master,

You should know that I never stopped grieving for you.

 

But now I understand that you are beside me,

you are Masai wayfarer, Deo, dad, mum, mum,

Ale, Diana, Marcello, Jacky, Divin Colzani,

Bijoux, Scorza, Fusettis, Zouzou, Dylan, Dave,

Big Masks Guru, Pino, Frà, Stu, Enzo, José, Martine, Rossano,

my faithful Jager and the forests of Tanzania with their starry sky,

A multitude of me joined in one self.

Ecstasy, bliss, enlightenment ... now I know where to find you.

Asante Sana Universe, I will never stop thanking you.

 

Read 616 times

Related items

  • La caducità del Sistema ai tempi del coronavirus La caducità del Sistema ai tempi del coronavirus

    In questi strani giorni di isolamento coatto imposto dal coronavirus, che gravitano attorno alle nostre vite  piombati inaspettatamente sul futuro del nostro Paese, le nostre case si sono trasformate in tante piccole scuole, nelle quali, i nostri bambini sono diventati anche i nostri piccoli allievi.

  • Lo zucchero. Il dolce veleno Lo zucchero. Il dolce veleno

    Come sapete mi sta davvero a cuore il problema dello zucchero, il dolce veleno: ne parlo nel mio libro, sulla mia pagina facebook, e in due vecchi video su youtube.

  • Perchè pubblico libri? Perchè pubblico libri?

    Perchè pubblico libri? Ecco una domanda che dovrei farmi tutti i giorni, la mattina, appena alzato e ancora con davanti lo stupore del dono di un’altra giornata da vivere.

  • Sulle intolleranze alimentari Sulle intolleranze alimentari

    Non ho alcuna intenzione di entrare nel merito di questioni scientifiche convenzionali o di tendenze moderne. Mi sembra lapalissiano che se sviluppo intolleranze alimentari devo anche vedere se c’è qualche aspetto della vita in cui sono duro e intransigente, se ci sono persone verso le quali sono intollerante, appunto.

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

SUBSCRIBE TO OUR NEWSLETTER!

and get the latest on News - Events - Offers!

x