English
  • English
  • Español
  • Italiano
Cart 0

CCBlog — Kabbalah

I 36 Lamedvovkin

Tzur Trevi alfabeto ebraico Kabbalah Lamedvovkin Torà Toyreh Tzadikim

I 36 Lamedvovkin

È un termine della lingua yiddish, passato tale e quale nel folklore mistico Hassidico dell'Europa Orientale. È formato come è evidente dalle parole "Lamed" e Vav" (pron. ashkenazita "vov"), le due lettere dell'alfabeto ebraico, con un finale "kin" che arriva dal russo. Nella gematria queste due lettere valgono rispettivamente 30 per la Lamed e 6 per la Vav. Scritte così sono anche il modo con cui si scrive il numero 36. Nel folklore mistico Hassidico, così come nella Toyreh (Torà) l'Altissimo si soffermò sulla sua decisione di distruggere Sodoma, in attesa che Abramo gli portasse i Giusti che egli sosteneva...

Read more →


Giorni contati. Ma quanto dura ancora l'Universo?

Tzur Trevi bibbia conoscenza Kabbalah Shemittah

Giorni contati. Ma quanto dura ancora l'Universo?

C'è un insieme di regole di kabbalah, basate su alcuni passaggi della Bibbia, che ci portano a stabilire con una certa sicurezza quale sarà la durata complessiva di questo Universo. Questa durata è di 17.897.446.000 anni solari, circa. Ci sarebbero sette Shemittòt, fatte ciascuna di 7.000 anni, sì, ma "divini", ed il fattore di conversione è nascosto nel Salmo 90. La scienza ufficiale parla di 18 miliardi di anni mal contati prima della totale entropia che porterà l'universo ad essere un guscio spento, freddo e vuoto. La Kabbalah è lì bella precisa come quelli della mascherpa. Attualmente viviamo nella Sesta...

Read more →


Kabbalah. Risposta sul paroketh

Frater Efes Frater Efes Kabbalah paroketh

Kabbalah. Risposta sul paroketh

"Francesco B: Libri presi. Ancora non ho iniziato la lettura… ma ho notato che nel libro di matematica esoterica in prima pagina mettete il velo di paroketh in corrispondenza di daath (più o meno) mentre di solito lo si trova in tipheret… mi spiegate perché?" Caro Francesco, il libro che tu hai acquistato ha per scopo mostrare e spiegare la profonda differenza esistente fra quanto viene insegnato a livello di base, cioè a quello dei gradi azzurri, a proposito dei numeri come enti in sé e della matematica come linguaggio simbolico ed operativo, per riuscire ad accostarsi alla sorgente di...

Read more →


The candle and the rabby. An apologue for Hanukkah

Fabrizio Piola eredità pesante nel prossimo futuro Hannukah Kabbalah

The candle and the rabby. An apologue for Hanukkah

During this Hannukah of 2020-5781, a terrible year for many reasons, and which will leave a heavy legacy at all levels in the near future, it is nice to be able to tell stories of hope. This one told to me by a Kabbalah Master is one of them. In a yeshvah, at the end of the study session, one of the younger students approached his rabbi and said to him: "Rabbi, it is wonderful to listen to you as you teach and then to see how you can be of help and advice to the people of the neighborhood,...

Read more →


Una storia Ḥassidica che parla di gioia nella tristezza

Fabrizio Piola cabala Cabalista Fabrizio Piola gioie e tristezza kabbalah spiritualità storia hassidica

Una storia Ḥassidica che parla di gioia nella tristezza

C’era una volta un Ḥassid che non era più in grado di ripagare i suoi debiti ed allora, come era costume a quel tempo, venne preso e sbattuto in prigione. Quel Ḥassid era un uomo molto pio, e cercò di sforzarsi in ogni modo di rispettare anche nel carcere quante più mitzvot gli riuscisse possibile osservare. Tuttavia nella cella veniva tenuto per tutto il tempo anche il bugliolo che lui stesso, ed i suoi compagni di cella, usavano per le necessità fisiologiche. Questo fatto, e l’impurità che ne conseguiva, comportava per lui l’impossibilità di mettere i tefillin per la preghiera,...

Read more →