fbpx
Carrello vuoto


logo cultural cannibals

Giovedì, 12 Dicembre 2019 10:22

Alimentazione consapevole. La depurazione dell’acqua

Ho vissuto gran parte della mia vita in Liguria, in campagna e sempre vicino ad una sorgente di acqua pura. Ora vivo in Veneto, in una zona di montagna e l’acqua, pur essendo distribuita dall’acquedotto comunale, sembra essere di qualità discreta.

Il problema dell’acqua in città non è tanto quello di contenere sostanze inquinanti, ma soprattutto di essere energeticamente debole e carica di inquinamento elettromagnetico dovuto ai cavi elettrici che spesso corrono accanto alle condutture dell’acqua e alle pericolose onde distribuite dagli impianti televisivi e alle reti dei cellulari. Ma a tutti coloro che vivono in città, chiedo di rinunciare alla chimera che l’acqua in bottiglia sia tanto meglio di quella del rubinetto: forse essa sarà esente da inquinanti ma in quanto all’energia in genere è davvero carente.

Ecco quindi che ho deciso di svelarvi un piccolo/grande segreto che vi consentirà di avere acqua di buona qualità sia dal punto di vista organolettico che da quello energetico.

Procuratevi una piccola damigiana per fabbricare aceto, di quelle reperibili in un negozio di prodotti enologici; riempitela per ¾ di acqua e aggiungete alcuni cucchiai di argilla ventilata acquistata in erboristeria, mescolando accuratamente. Dopo un paio di giorni l’argilla si sarà del tutto depositata sul fondo e l’acqua sarà limpida. Potrete quindi prelevare l’acqua mediante l’apposito rubinetto situato in un punto della damigiana dove non pescherà l’argilla. A mano a mano che prelevate l’acqua potete aggiungerne di nuova e ogni tanto un cucchiaio di argilla.

acetiera

Periodicamente svuotate del tutto la damigiana e lavatela accuratamente; potete poi ripetere l’intera operazione con nuova acqua ed altra argilla.

Ma non è finita qui; l’argilla serve soprattutto per trattenere le impurità dell’acqua, gli agenti inquinanti. Ora si tratta di conferire energia all’acqua; per far questo prendete una brocca di vetro trasparente, ponendo al suo interno una piccola piramide di cristallo e riempitela d’acqua della damigiana. Ora lasciate la brocca alla luce del sole per almeno una giornata e quindi versate il contenuto in una bottiglia di vetro azzurro. Questa sarà utilizzata per versarvi da bere.

Ovviamente potrete fabbricarvi della nuova acqua potabile “a ciclo continuo”, rimpiazzandola sempre con acqua del rubinetto.

Non troverete in nessun libro questo mio segreto per ottenere acqua pulita ed energizzata in un modo tanto semplice ed economico.

Ah, dimenticavo: per completare l’opera, come suggerisce il dottor Masaru Emoto, potete appiccicare alla bottiglia un’etichetta con una parola particolare come amore, forza, perseveranza, insomma qualche qualità che pensate di aver bisogno di sviluppare. Le molecole dell’acqua assorbiranno l’energia della parola scritta e influiranno sul vostro comportamento.
Provare per credere!

 

Letto 365 volte
Enrico D'Errico

Specializzato in cucina terapeutica, insegna da quasi 30 anni, con uno stile semplice, appassionato e coinvolgente. Negli ultimi dieci anni, dopo aver frequentato seminari di Alejandro Jodorowsky e Salvatore Brizzi, si è anche dedicato alla diffusione del lavoro di risveglio della coscienza.

Informazioni aggiuntive

Articoli correlati (da tag)

  • Dio Padre è un uditore di preghiera Dio Padre è un uditore di preghiera

    Da che ho incominciato a provare interesse e piacere nella scrittura, numerose volte nel corso di questi anni ho parlato di una caratteristica fondamentale del Creatore: egli ascolta ed esaudisce le preghiere.

  • La caducità del Sistema ai tempi del coronavirus La caducità del Sistema ai tempi del coronavirus

    In questi strani giorni di isolamento coatto imposto dal coronavirus, che gravitano attorno alle nostre vite  piombati inaspettatamente sul futuro del nostro Paese, le nostre case si sono trasformate in tante piccole scuole, nelle quali, i nostri bambini sono diventati anche i nostri piccoli allievi.

  • Lo zucchero. Il dolce veleno Lo zucchero. Il dolce veleno

    Come sapete mi sta davvero a cuore il problema dello zucchero, il dolce veleno: ne parlo nel mio libro, sulla mia pagina facebook, e in due vecchi video su youtube.

  • Il sale e i cinque elementi Il sale e i cinque elementi

    Durante una conferenza, stavo parlando dell'importanza di usare sale di buona qualità, e una persona dell'uditorio mi ha subito detto che lei, su consiglio del dietologo, non usava sale in cucina o a tavola.

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

ISCRIVITI ORA ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Solo per il mese di aprile, per ogni iscrizione, IN OMAGGIO, l'ebook: "Manuale di sviluppo personale" di Gennaro Ponzo. I link per scaricare l'ebook nella mail di benvenuto (controllate la spam)!

x