Carrello vuoto


logo cultural cannibals

Domenica, 29 Luglio 2018 18:12

Asante Sana - Poesia dall'Africa

Asante Sana

Osservo questo serpente color mattone

che fugge le luci dell’auto

strisciare nella foresta intorno

ancora immersa nel buio della notte.

I pensieri, stranamente, sono pochi

e questa volta arrivano titubanti,

con tanta voglia di scappare via subito,

senza quasi neanche chiedermi il permesso.

Sento due occhi nelle tenebre che ci guardano.

“Stop the car” dico a Deo, il mio autista

e prendiamo a bordo un Uomo antico,

un viandante Masai, regale, importante,

di fattezze bellissime … androgine.

Sono sicuro che è lui il mio tramite col Sacro.

Al tempo stesso stringo forte la maniglia dell’auto

per non dimenticare il mio corpo

come mi hai insegnato tu, Maestro,

sappi che non ho mai smesso di piangerti.

Ma ora ho capito che sei qui di fianco a me,

sei viandante Masai, Deo, papà, mamma, mamma,

Ale, Diana, Marcello, Jacky, Divin Colzani,

Bijoux, Scorza, Fusettis, Zouzou, Dylan, Dave,

Big Masks Guru, Pino, Frà, Stu, Enzo, José, Martine, Rossano,

Jager e foreste della Tanzania di cielo stellato,

moltitudine di me che ne fanno un Io.

Estasi, beatitudine, illuminazione… ora so dove cercarti.

Asante Sana Universo, non smetterò mai di ringraziarti.

 

Letto 69 volte

Informazioni aggiuntive

  • relate books:

Articoli correlati (da tag)

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

ISCRIVITI ORA ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Rimani aggiornato su News - Iniziative - Offerte!

x