fbpx
Carrello vuoto


logo cultural cannibals

Paura - dettaglio Paura - dettaglio Opera di Paola Marchi
Mercoledì, 25 Luglio 2018 15:02

Follia e Sviluppo Spirituale. Riflessioni sulla propria paura

Una delle prove più complesse da affrontare, ad un certo punto dello sviluppo spirituale, è quella di dover affrontare diverse riflessioni sulla propria paura.

Parlare di quest'argomento è impresa ardua, perché equivale a lanciarsi in un mare in tempesta. Una delle armi più potenti della paura è quella di coglierti impreparato. In questo sta, a mio avviso, la sua più grande forza e il suo più grande insegnamento.

Di fronte alla paura infatti, qualunque sia lo shock esterno che la produce, siamo tutti impreparati e questo produce due tipi di reazione: il blocco totale oppure la spinta.

La prima reazione, la più naturale e umana, è però la rabbia. Per affrontare la paura, infatti, bisogna prima aver affrontato la nostra rabbia interiore. In quello, ognuno è libero di scegliere il metodo che più preferisce; si va dagli esorcismi - nei casi di rabbia che esplode ciecamente e quindi pericolosamente, perché imprevedibile nelle sue manifestazioni - alle protezioni e infine alla preghiera e ai vari percorsi spirituali o di crescita interiore. Lo scopo ultimo dello sviluppo spirituale, comunque, è la pacificazione interiore e il processo dovrebbe avvenire il più rapidamente possibile, di questi tempi.

Una volta ottenuta la cura per la rabbia ci si può dedicare allo studio del fenomeno della paura.

Quest’ultima è un'emozione e non un sentimento. Attiene infatti a una sfera più grossolana del sentire, una sfera legata alla nostra parte animale. Di fronte alla morte, la prima reazione è infatti di paura. Chi dice di non temere la morte, semplicemente non la affronta. La morte terrorizza perché è la fine di tutto ciò che noi crediamo reale.

Per superare la paura della morte, che tra le paure è la più onnicomprensiva, in quanto è la più ancestrale e quindi archetipica e quindi sta dietro a tutte le altre manifestazioni, bisogna fare esperienza della morte stessa e così scoprire che può non esistere. Come? Per prima cosa avendone paura.

Sembra un gioco mentale - e in effetti lo è - e rimane tale finché non si riesce a scioglierlo.

Arrivati a questo punto della speculazione, non resta che portare la testimonianza esperita direttamente. La vita infatti altro non è che la testimonianza della vita stessa. Se sono vivo sono, mio malgrado, messaggero di qualche messaggio che porto.

Che messaggio mi piacerebbe portare con la mia esistenza?

Questa è una domanda utile per iniziare ad affrontare la paura della morte, il proprio sviluppo spirituale che, ricordo, riguarda tutti, non solo chi ci pensa!

 

Leggi la prima parte >>

Leggi la seconda parte >>

Letto 1099 volte
Paola Marchi

Nata a Seravezza nel 1975.  Consegue la Laurea in Lettere Moderne presso l'università di Pisa e pubblica la tesi di Laurea dal titolo "Cinema e Pittura in Giorni d'amore" nel volume Giorni d'amore, Lindau, Torino, 2003. Frequenta la scuola di nudo presso l'Accademia d'arte di Carrara (Ms) dove impara le basi del disegno a mano libera e le tecniche di incisione. Si dedica attivamente all'attività pittorica e vende su committenza italiana e straniera. Scrive per Fontana Editore.

chiaralampo.blogspot.com/

Informazioni aggiuntive

Articoli correlati (da tag)

  • La Riemergenza Morfogenetica del Sapere La Riemergenza Morfogenetica del Sapere

    Condivido anche su questo CCBlog, per i pochi italiani di intelligenza superiore a quella del pubblico oceanico che ha guardato il festival di San Remo - e che sono anche i miei cari amici - questo post, già pubblicato su Esoteric Knowledge and Occult Science per smuovere qualche sana riflessione nel covo dell'Hocus Pocus… Furbus.

  • Quando una persona mangia troppo. Il fuoco spazza via le vecchie forme Quando una persona mangia troppo. Il fuoco spazza via le vecchie forme

    Spesso si pensa - e io stesso lo dico frequentemente anche nei seminari di cucina - che quando una persona mangia troppo, lo faccia per riempire dei vuoti interiori, per non avvertire l'angoscia che la invade.

  • Crowdfunding per il libro "Passaggi" su Koffi Kôkô Crowdfunding per il libro "Passaggi" su Koffi Kôkô

    Siamo molto orgogliosi di avere la possibilità di curare l’edizione italiana del bel libro “Passagen” di Johannes Odenthal sul danzatore e coreografo Koffi Kôkô, uscito finora SOLO in lingua tedesca.

  • RECENSIONE: Nove novelle sufi di Paola Marchi RECENSIONE: Nove novelle sufi di Paola Marchi

    Bentornati amanti dei libri. Quest’oggi ho finalmente il tempo necessario per parlare adeguatamente di un testo che ho incontrato. Trattasi di “Nove Novelle Sufi” Illustrate da Paola Marchi e pubblicato da Fontana Editore a cui rinnovo i miei più sentiti complimenti e ringraziamenti per quanto viene messo a disposizione dei lettori.

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

ISCRIVITI ORA ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Solo per il mese di aprile, per ogni iscrizione, IN OMAGGIO, l'ebook: "Manuale di sviluppo personale" di Gennaro Ponzo. I link per scaricare l'ebook nella mail di benvenuto (controllate la spam)!

x