fbpx
Carrello vuoto


logo cultural cannibals

Caspar David Friedrich - Viandante davanti a un mare di nebbia Caspar David Friedrich - Viandante davanti a un mare di nebbia
Mercoledì, 11 Aprile 2018 23:58

Manuale di sviluppo personale, un libro da leggere da chi decide di dire Basta!

Il mio gentile Maestro dice spesso, rivolgendosi ai suoi discepoli, che la peggior cosa che possa capitare a un giovane praticante è quella di diventare un discepolo “stagionato”,

cioè talmente abituato alla routine della pratica giornaliera ‒ dall’alba alla notte (durante il sonno e il sogno) ‒ che la sua spinta propulsiva spirituale, lungo gli anni che passano come lampi nel cielo, si è ormai esaurita nell’inerzia del primo entusiasmo. In questa malaugurata evenienza il praticante nel suo inconscio ha la certezza di aver fatto dei passi in avanti, abbastanza importanti da portarlo a ritenersi soddisfatto delle esperienze realizzate e così egli si lascia cullare nella soddisfazione e nell’appagamento. In realtà si tratta del suo ego che riaffiora, riprendendosi tutto il suo demoniaco potere. Il risultato è che il praticante dovrebbe ricominciare tutto di nuovo, ma questa volta non ha più impulsi né pungoli interiori abbastanza forti da fargli comprendere il suo errore, da fargli vedere come proprio il suo ego, sul quale fa tanto affidamento, sia il vero ostacolo, l’ostacolo più grande, il demone che si frappone tra lui e la cima della montagna. (In questo momento del processo della sua evoluzione si parla ancora di montagne da scalare e di mete da raggiungere anche se sappiamo bene che non c‘è alcuna meta da raggiungere e che non c’è alcuna montagna da scalare).

Quindi, quando mi è venuto nelle mani (benvenuto!) il libro di Gennaro Ponzo, Manuale di sviluppo personale, Come prendersi cura di Sé ed aprirsi alla Consapevolezza, felicemente stampato da Fontana Editore nel 2017, e ne ho letto le prime pagine e la Prefazione, non me ne sono più staccato per leggerlo fino all’ultima pagina. E ho ritrovato così, nel mio cuore, quel giovane praticante che tanti e tanti anni fa cominciava i suoi primi tentativi di pratica continuata, la presenza consapevole. È un libro per tutti, per gli interessati alla ricerca spirituale e per coloro che si definiscono agnostici, anche se non ho mai incontrato un agnostico DOC. Gennaro Ponzo si rivolge a tutti, a prescindere dalla natura del cammino che ciascuno ritiene più consono alle proprie peculiarità, e tutti incoraggia ad andare avanti, con calma e determinazione, anche se, come è facilmente intuibile, ogni passo è duro da affrontare e la sofferenza che ci accompagna è un pilastro fondamentale della condizione umana.

L’uomo, tutti gli uomini hanno dentro sé una splendente e a volte abbagliante stilla di infinito, che, se rimane costretta nell’oscurità, nascosta e segreta, genera angoscia, inquietudine e, spesso disperazione, ma che, se viene fatta affiorare ed emergere fino al livello della coscienza, ci permea e ci sommerge di una gioia luminosa, leggera e insieme indistruttibile.

Vai al libro >>

Letto 1476 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Prefazione a Oratio de hominis dignitate di Giovanna Mulas Prefazione a Oratio de hominis dignitate di Giovanna Mulas

    Oratio de hominis dignitate di Giovanna Mulas. Ai figli di una Nuova Umanità: l’irrimediabile condizione di esseri individuali come origine primordiale del dolore umano?

  • L'alimentazione consapevole. Capire quale sia il proprio bio-ritmo L'alimentazione consapevole. Capire quale sia il proprio bio-ritmo

    Ogni essere umano sulla strada del risveglio comprende, a poco a poco, che il tempo è un'illusione e cessa così di esserne schiavo. Ma, per cominciare, è di fondamentale importanza osservarsi per capire quale sia il proprio bio-ritmo.

  • Alimentazione naturale. Parte seconda Alimentazione naturale. Parte seconda

    Quanto cibo mangiare? Persino la medicina ufficiale, che in genere non sa neanche come si guarisce da un raffreddore, sostiene che molte delle malattie che affliggono la società occidentale sono causate da una cattiva ed eccessiva alimentazione.

  • Essere genitori è un’arte! Essere genitori è un’arte!

    Essere genitori è un’arte! “L’arte non riproduce ciò che è visibile, ma rende visibile ciò che non sempre lo è.” La genitorialità rappresenta una delle esperienze più evolutive e più mature della dinamica affettiva di un individuo, un lungo e continuo “apprendistato” per imparare l’arte di essere autentici, autonomi e completi sia da un punto di vista spirituale (emozioni, sentimenti, comportamenti), che personale.

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

ISCRIVITI ORA ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Rimani aggiornato su News - Iniziative - Offerte!

x