fbpx
Carrello vuoto


logo cultural cannibals

Giovedì, 13 Febbraio 2020 14:35

Perchè pubblico libri?

Perchè pubblico libri? Ecco una domanda che dovrei farmi tutti i giorni, la mattina, appena alzato e ancora con davanti lo stupore del dono di un’altra giornata da vivere.

E in realtà lo faccio quasi sempre, ma non sempre!

Per me, “ Perché pubblico libri? ” equivale, ora, a chiedermi “Io chi sono?”.

Non è presunzione, è necessità. Necessità di ripagare un debito e di riparare allo spreco di un dono ricevuto.

È più agevole cullarsi nel sogno? Non è vero, ora lo so, con ancora in bocca il sapore del po di Vita che sono riuscito a mordere, a volte.

Perché pubblico libri?

Perché il debito contratto non è mai più grande di quello che tu sei in grado di ripagare.

Perché spero di essere contagioso e la realtà e la spiritualità sono le migliore “malattie”, per un essere umano.

Perché sono stanco di essere solo una persona, ovvero tante persone tutte assieme.

Perché i libri trovati e l’insegnamento ricevuto sono stati la mia salvezza, mi hanno permesso di non morire, quando sarebbe potuto succedere facilmente.

Perché ho bisogno di dare fiducia, incondizionata.

Perché ci sono persone che hanno bisogno della mia fiducia per poter portare la loro opera nel mondo e a qualcuno che, la fuori, la sta aspettando.

Perché accetto questa responsabilità, ma non so chi me l’ha consegnata.

Perché questo mi rende, spesso, estremamente felice.

 

Letto 217 volte

Articoli correlati (da tag)

  • Dio Padre è un uditore di preghiera Dio Padre è un uditore di preghiera

    Da che ho incominciato a provare interesse e piacere nella scrittura, numerose volte nel corso di questi anni ho parlato di una caratteristica fondamentale del Creatore: egli ascolta ed esaudisce le preghiere.

  • La caducità del Sistema ai tempi del coronavirus La caducità del Sistema ai tempi del coronavirus

    In questi strani giorni di isolamento coatto imposto dal coronavirus, che gravitano attorno alle nostre vite  piombati inaspettatamente sul futuro del nostro Paese, le nostre case si sono trasformate in tante piccole scuole, nelle quali, i nostri bambini sono diventati anche i nostri piccoli allievi.

  • Lo zucchero. Il dolce veleno Lo zucchero. Il dolce veleno

    Come sapete mi sta davvero a cuore il problema dello zucchero, il dolce veleno: ne parlo nel mio libro, sulla mia pagina facebook, e in due vecchi video su youtube.

  • Il sale e i cinque elementi Il sale e i cinque elementi

    Durante una conferenza, stavo parlando dell'importanza di usare sale di buona qualità, e una persona dell'uditorio mi ha subito detto che lei, su consiglio del dietologo, non usava sale in cucina o a tavola.

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

ISCRIVITI ORA ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Solo per il mese di aprile, per ogni iscrizione, IN OMAGGIO, l'ebook: "Manuale di sviluppo personale" di Gennaro Ponzo. I link per scaricare l'ebook nella mail di benvenuto (controllate la spam)!

x