fbpx
Carrello vuoto


logo cultural cannibals

Da “Guida galattica per autostoppisti” di Douglas Adams. Da “Guida galattica per autostoppisti” di Douglas Adams.
Domenica, 03 Giugno 2018 21:23

Qual è il tuo scopo nella vita?

Qual è il tuo scopo nella vita? Definisci la tua vita, quella vera, il desiderare primario e profondo.

“ Cosa vuoi fare da grande ?” A tutti è stata posta la domanda nella prima età. Irrompeva nella nostra realtà infantile e luminosa, frase fatta, però per te, che vivevi nella tua piccola bolla esperienziale, aveva la deflagrazione dirompente di una bomba. Volevi fare l’astronauta, il dottore, la maestra, la principessa, il camionista...salvare il mondo: sembrava facile trovare uno scopo nella vita. Che granitica certezza! Che sensazione di pienezza!

“Un bambino può insegnare sempre tre cose ad un adulto:
1. A essere contento senza motivo.
2. A essere sempre occupato con qualche cosa.
3. A pretendere con ogni sua forza quello che desidera.”
Paulo Coelho

Poi iniziavi la scuola. Probabilmente non ricordi più quando hai messo da parte il tuo Scopo, neanche ti ricordi di averlo avuto il tuo Scopo. È stato un processo lento e graduale. Ad un certo punto avevi troppo da fare ad integrarti, uniformarti, farti accettare dagli altri. La tua voce cominciava a cambiare, vivevi i primi turbamenti, c’erano da soddisfare le aspettative di mamma e papà. Avevi bisogno di essere riconosciuto: “Guardatemi, amatemi...”

Sarebbe da stupidi, non credi? Passare una vita intera a desiderare qualcosa senza mai agire.
(Dal film Blow)

Col tempo gli “obbiettivi” hanno preso il posto del tuo Scopo.

Hop! Facciamo un salto in avanti, nel tempo.
Supino sul letto, occhi al soffitto. Ti sei impegnato per essere un buon marito o una buona moglie; hai provato a farti piacere un lavoro mediocre che ti da sicurezza, una macchina nuova, qualche amicizia sopravvissuta all’adolescenza, qualche debito, qualche figlio. Hai iniziato studi esoterici, spirituali, di formazione, per fame e per sete, senza essere poi giunto a chissà che.

Sei il maggiore di 13 fratelli, che, con sgomento, conta e riconta, ma di fratelli ne vedi sempre e solo 12. Finché non ti siedi su un vecchio sgabello a riflettere su dove sia finito il tredicesimo fratello: lo sgabello si rompe e sbatti con forza il sedere per terra, ricordandolo.

Allora forse capisci che La risposta alla domanda fondamentale sulla vita, l'universo e tutto quanto non è 42[1]!

Allora forse capisci che La domanda fondamentale ha tre facce:
“Chi sei? / Qual’è il tuo scopo? / Cosa ti rende veramente felice?”;
ma esprime sempre lo stesso significato:

“Un silenzio assordante”.

Avevo da scegliere: potevo essere il me che desiderava, o il me che rideva del me che desiderava.
(Tiziano Terzani)

Vai alla seconda parte >>


[1] Da “Guida galattica per autostoppisti” di Douglas Adams.

Letto 617 volte

Informazioni aggiuntive

Articoli correlati (da tag)

  • Essere genitori è un’arte! Essere genitori è un’arte!

    Essere genitori è un’arte! “L’arte non riproduce ciò che è visibile, ma rende visibile ciò che non sempre lo è.” La genitorialità rappresenta una delle esperienze più evolutive e più mature della dinamica affettiva di un individuo, un lungo e continuo “apprendistato” per imparare l’arte di essere autentici, autonomi e completi sia da un punto di vista spirituale (emozioni, sentimenti, comportamenti), che personale.

  • Serve un punto di riferimento preciso, un archetipo Serve un punto di riferimento preciso, un archetipo

    Serve un punto di riferimento preciso, un modello, un archetipo, un avatar, altrimenti non siamo in grado di definire chi siamo.

  • Rocco Fontana: l’editore dalla Quarta Via Rocco Fontana: l’editore dalla Quarta Via

    Rocco Fontana, classe 1964, è editore di libri, ebook e della rivista internazionale Nitrogeno. Uomo di Quarta Via, si occupa di comunicazione e informazione.

  • Eterotopia nei corpi e nei luoghi. L'educazione ambientale con Michel Foucault Eterotopia nei corpi e nei luoghi. L'educazione ambientale con Michel Foucault

    Nella definizione di Michel Foucault[1], le eterotopie sono quei luoghi che non necessitano di riferimenti geografici. Sono i luoghi dove esiste un eccesso di realizzazione e, nel contempo, di immaterialità. Un esempio di eterotopia sono i luoghi delle istituzioni totali (carceri, prigioni, ricoveri) ma anche "quelle istanze che coinvolgono completamente i soggetti"[2]. Ad esempio, i drive-in, i viaggi-crociera. In fondo, l'eterotopia è una realtà che si fonda solo su sé stessa.

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

ISCRIVITI ORA ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Rimani aggiornato su News - Iniziative - Offerte!

x