fbpx
Carrello vuoto


logo cultural cannibals

Fotogramma dal film "Into The Wild" Fotogramma dal film "Into The Wild"
Venerdì, 03 Agosto 2018 00:57

Tu chi sei? Viaggio alla scoperta di sé

Il viaggio alla scoperta di sé, è un lungo sentiero, pieno di cose abbandonate che non servono più. Con quest’articolo semiserio, tenteremo di dare – immodestamente - alcune risposte a questo incalzante quesito: Tu chi sei?

Di seguito alcune considerazioni:

Il riflesso condizionato
A questa domanda tempo fa avrei risposto pronunciando il mio nome proprio; un riflesso condizionato. Non che il nome proprio non abbia nessuna attinenza con chi siamo: Nomen omen, dicevano i romani, non a torto. Ma dobbiamo ragionare sul fatto che passato e futuro sono due concetti che si influenzano vicendevolmente e mutevolmente, per cui il nome proprio ha bisogno di tempo per diventare espressione di quello che siamo (diventati). Ma non ci definisce interamente.

Uso e abuso di aggettivi e sostantivi (per descrivermi)
Sono alto, sono basso; sono magro o grasso; sono moro o biondo; sono un imprenditore, un impiegato, operaio, medico, un barbone; sono anziano, giovane; sono brillante, simpatico, arrogante, triste o lamentoso; sono intelligente, stupido; intellettuale, ignorante; appassionato di telenovela; sono un hater, un credulone; un credente, un ateo, un mistico; un teologo, un libertino; sono molesto, molestato, molestatore; sono malato, ipocondriaco, sano come un pesce; un pigro, indaffarato. Potrei continuare all’infinito. Vedete? Per quanto mi sforzi, tentare di definirmi con degli aggettivi non è soddisfacente.

Gli aggettivi mi allontanano da me stesso
Voglio complicare ulteriormente il discorso e m’aggancio, con nonchalance, alla fisica quantistica, con una spolveratina di scienze cognitive. Se è vero che siamo noi ad influenzare il soggetto d’osservazione e i risultati in base alla nostra presenza (fisica quantistica), e difficilmente due persone hanno la stessa esatta percezione di un evento o di un significato, dato che i bagagli esperienziali sono personali e unici (neuroscienze), capiamo che, difficilmente, la descrizione che do di me stesso, viene recepita, dall’altro, nell’esatta maniera in cui la intendo io.

"Non vediamo le cose come sono, ma vediamo le cose come siamo."
Carl Gustav Jung

Per definirsi c’è bisogno di un modello di riferimento
Ma io sono io, rispetto a cosa? Una goccia d’acqua è tale se paragonata a qualcosa di più grande, ad esempio il mare. È goccia d’acqua, in quanto tale, perché particella del mare stesso. Come singolo essere umano, qual'è il nostro punto di riferimento?

A quale modello fare riferimento?
Maggiore il bisogno di conoscere me stesso, più importante il modello di riferimento:

“Dio esiste... ma non sei tu, rilassati!”

Ma non l’avrò sparata grossa?
Come il caro lettore si rende ben conto non ho risposto alla domanda del titolo, se non indicando, essenzialmente, cosa NON può soddisfare il quesito stesso.

Ma allora?

Presenteremo indicazioni interessanti nella terza parte.

Viaggio alla scoperta di sé , la prima parte>>

Letto 1250 volte

Informazioni aggiuntive

Articoli correlati (da tag)

  • Ecologia umana: la base della relazione consapevole Ecologia umana: la base della relazione consapevole

    Dalla relazione consapevole con noi stessi e con l’ambiente che ci circonda, non solo dipende la qualità della nostra vita, ma anche di coloro che interagiscono con noi. Come tutti sappiamo l’uomo è esso stesso un “Ambiente”, uno spazio informato all’interno del quale si muove la Vita.

  • La Pedagogia del Bambino Vero. Intervista con Nicoletta Geniola La Pedagogia del Bambino Vero. Intervista con Nicoletta Geniola

    Per CCBlog, intervistiamo Nicoletta Geniola, autrice de “La Pedagogia del Bambino Vero”

  • Altri 3 virus pericolosi Altri 3 virus pericolosi

    Colonizzazione del corpo, ideale salutistico e turbocapitalismo. Con molta riluttanza scrivo dell’importanza del CoVid-19 come evento sociale totale globale, poiché saturato dalla fibrillazione mediatica che da un lato offre una narrazione tecnocratica terrifica e dall’altra la sospettosità complottaria.

  • La ex-sinistra ed il nuovo totalitarismo biopolitico La ex-sinistra ed il nuovo totalitarismo biopolitico

    Non possiamo parlare di fascismo perché il fascismo si riferisce a una stagione storica. Purtroppo dobbiamo parlare di democrazia totalitaria perché è stata instillata nella mente delle persone la voglia di sicurezza di controllo di essere il controllore del proprio vicino quindi mentre il fascismo è nato all'interno di una dimensione politica.

Lascia un commento

Assicurati di aver digitato tutte le informazioni richieste, evidenziate da un asterisco (*). Non è consentito codice HTML.

ISCRIVITI ORA ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

e ricevi le ultime notizie - Eventi - Offerte!

x