fbpx
Carrello vuoto


logo cultural cannibals

Nella definizione di Michel Foucault[1], le eterotopie sono quei luoghi che non necessitano di riferimenti geografici. Sono i luoghi dove esiste un eccesso di realizzazione e, nel contempo, di immaterialità. Un esempio di eterotopia sono i luoghi delle istituzioni totali (carceri, prigioni, ricoveri) ma anche "quelle istanze che coinvolgono completamente i soggetti"[2]. Ad esempio, i drive-in, i viaggi-crociera. In fondo, l'eterotopia è una realtà che si fonda solo su sé stessa.

Pubblicato in Blog
Martedì, 04 Settembre 2018 17:16

Intervista a Paola Marchi sulle Nove Novelle Sufi

In occasione della pubblicazione del nuovo libro Nove Novelle Sufi di Paola Marchi, vi proponiamo l’intervista con la telentuosa autrice.

Pubblicato in Blog

Una delle prove più complesse da affrontare, ad un certo punto dello sviluppo spirituale, è quella di dover affrontare diverse riflessioni sulla propria paura.

Pubblicato in Blog

Con una mossa molto strana per la storia del pensiero, di colpo, l’epistemologia – termine che si riferisce da sempre all’episteme ἐπιστήμη cioè al domandarsi ultimo – diventò la disciplina riguardante la conoscenza certa e il come tale conoscenza possa essere possibile; in più divenne la disciplina che celebrò la storia di questa nuova tendenza in evoluzione.

Pubblicato in Nitrogeno

ISCRIVITI ORA ALLA NOSTRA NEWSLETTER!

Rimani aggiornato su News - Iniziative - Offerte!

x