Italiano it
  • English en
  • Italiano it
Italiano it
  • English en
  • Italiano it
Carrello 0

Follia e Sviluppo Spirituale. Riflessioni sulla propria paura

Paola Marchi morte Paola Marchi riflessioni sulla propria paura sviluppo spirituale

 Follia e Sviluppo Spirituale. Riflessioni sulla propria paura

Una delle prove più complesse da affrontare, ad un certo punto dello sviluppo spirituale, è quella di dover affrontare diverse riflessioni sulla propria paura.

Parlare di quest'argomento è impresa ardua, perché equivale a lanciarsi in un mare in tempesta. Una delle armi più potenti della paura è quella di coglierti impreparato. In questo sta, a mio avviso, la sua più grande forza e il suo più grande insegnamento.

Di fronte alla paura infatti, qualunque sia lo shock esterno che la produce, siamo tutti impreparati e questo produce due tipi di reazione: il blocco totale oppure la spinta.

La prima reazione, la più naturale e umana, è però la rabbia. Per affrontare la paura, infatti, bisogna prima aver affrontato la nostra rabbia interiore. In quello, ognuno è libero di scegliere il metodo che più preferisce; si va dagli esorcismi - nei casi di rabbia che esplode ciecamente e quindi pericolosamente, perché imprevedibile nelle sue manifestazioni - alle protezioni e infine alla preghiera e ai vari percorsi spirituali o di crescita interiore. Lo scopo ultimo dello sviluppo spirituale, comunque, è la pacificazione interiore e il processo dovrebbe avvenire il più rapidamente possibile, di questi tempi.

Una volta ottenuta la cura per la rabbia ci si può dedicare allo studio del fenomeno della paura.

Quest’ultima è un'emozione e non un sentimento. Attiene infatti a una sfera più grossolana del sentire, una sfera legata alla nostra parte animale. Di fronte alla morte, la prima reazione è infatti di paura. Chi dice di non temere la morte, semplicemente non la affronta. La morte terrorizza perché è la fine di tutto ciò che noi crediamo reale.

Per superare la paura della morte, che tra le paure è la più onnicomprensiva, in quanto è la più ancestrale e quindi archetipica e quindi sta dietro a tutte le altre manifestazioni, bisogna fare esperienza della morte stessa e così scoprire che può non esistere. Come? Per prima cosa avendone paura.

Sembra un gioco mentale - e in effetti lo è - e rimane tale finché non si riesce a scioglierlo.

Arrivati a questo punto della speculazione, non resta che portare la testimonianza esperita direttamente. La vita infatti altro non è che la testimonianza della vita stessa. Se sono vivo sono, mio malgrado, messaggero di qualche messaggio che porto.

Che messaggio mi piacerebbe portare con la mia esistenza?

Questa è una domanda utile per iniziare ad affrontare la paura della morte, il proprio sviluppo spirituale che, ricordo, riguarda tutti, non solo chi ci pensa!

Paola Marchi



Articolo più vecchio Articolo più recente

Post correlati

Just perfect
Just perfect
Non giudicare gli altri. Centrati sui tuoi limiti. Il tuo fine non è aspirare ad essere cosa non sei, ma essere la mi...
Leggi
I 36 Lamedvovkin
I 36 Lamedvovkin
È un termine della lingua yiddish, passato tale e quale nel folklore mistico Hassidico dell'Europa Orientale. È forma...
Leggi
Giorni contati. Ma quanto dura ancora l'Universo?
Giorni contati. Ma quanto dura ancora l'Universo?
C'è un insieme di regole di kabbalah, basate su alcuni passaggi della Bibbia, che ci portano a stabilire con una cert...
Leggi
Kabbalah. Risposta sul paroketh
Kabbalah. Risposta sul paroketh
"Francesco B: Libri presi. Ancora non ho iniziato la lettura… ma ho notato che nel libro di matematica esoterica in p...
Leggi
"La perfezione di ogni cosa creata" di Thomas Merton
Nel frattempo è arrivato anche Tu BeShvat, la tradizionale festività ebraica definita come "Il Capodanno degli Alberi...
Leggi
Perché dovremmo leggere “Il gatto di Omero”?
Perché dovremmo leggere “Il gatto di Omero”?
La risposta è semplice e si comprende analizzando il concetto di “diarioterapia”, il “tenere un diario come terapia”:...
Leggi