Paola Gabrielli: come disegnare un mandala Fontana Editore

Paola Gabrielli: come disegnare un mandala

Disegnare un mandala è una creazione artistica che può aiutarci ad incontrare la parte profonda di noi stessi, la parte inconscia che emerge - se lasciata fare - a narrarci per simboli qualcosa di se.

È una pratica che ci arriva dall’oriente, dalla tradizione buddhista, ma che, sorprendentemente esiste, più velatamente, anche in occidente. Cosa sono i rosoni delle chiese e cattedrali se non degli enormi mandala di vetro colorato? Ma altri esempi possono essere scoperti nelle nostre tradizioni, soprattutto nelle opere architettoniche. Vi invito a farvi una piccola ricerca in tal senso.

Paola Gabrielli, scrittrice e artista, dipinge da diversi anni i suoi mandala, da cui ricava diletto, pace interiore e sovente preziose intuizioni.

Questo che segue è un piccolo decalogo che Paola dona ai nostri lettori, cosicché possano iniziare, grazie a questa breve traccia, ad approcciare questa bellissima pratica creativa/meditativa. L’autrice è presente su vari social ed è disponibile per approfondimenti sui mandala.

Disegnare un mandala di paola gabrielli

1. Crea il tuo spazio di lavoro. Diffondi nell'aria un olio essenziale che possa aiutarti a rilassarti. La lavanda andrà benissimo, ma a te la scelta; dipende molto dal tuo stato interiore.

Mandala e Paola Gabrielli

2. Prendi carta, matita, gomma e compasso. Traccia un cerchio, poi un altro e un altro ancora… lasciati guidare dalla fantasia e crea forme sempre più complesse.

Paola Gabrielli Mandala

3. Cancella tutto ciò che non ti piace e lascia emergere la sola forma che senti, ti appartenga di più.

mandala paola gabrielli

4. Lasciati guidare dall'intuito e scegli i colori che più ti piacciono, senza pensarci troppo. Inizia a colorare dal centro ed espanditi verso l'esterno.

 

mandala Paola Gabrielli

5. A mano a mano che procedi verso l'esterno, vedrai apparire delle figure. Presta loro attenzione! È l'inconscio che ti parla attraverso i simboli.

 

mandala con paola gabrielli

6. Ad un certo punto avvertirai che il disegno è completo. Solo allora posa il colore e osserva ciò che è emerso. Il mandala ti parla. Scrivi su un foglio a parte tutto ciò che senti e osserva i giorni seguenti, cosa di bello accade nella tua vita.

Post correlati

Transumanesimo e Intelligenza Artificiale negli Ambienti Educativi: opportunità e Limiti
Transumanesimo e Intelligenza Artificiale negli Ambienti Educativi: opportunità e Limiti
L'educazione è sempre stata un terreno fertile per l'innovazione e oggi stiamo assistendo a una trasformazione radica...
Leggi
Pensiero e desiderio. Parte 4
Pensiero e desiderio. Parte 4
5. Conclusione Nei paragrafi precedenti abbiamo parlato del desiderio come movente di ogni pensiero creativo. È il de...
Leggi
Pensiero e desiderio. Parte 3
Pensiero e desiderio. Parte 3
4. Il desiderio nell’Induismo e nel Buddismo L’ Induismo ha sempre riconosciuto la natura dinamica del desiderio e la...
Leggi
Pensiero e desiderio. Parte 2
Pensiero e desiderio. Parte 2
3. Volere è potere Con Nietzsche la riflessione dell’Occidente prende una strada diversa. Il legame tra desiderio e p...
Leggi
Pensiero e desiderio. Parte 1
Pensiero e desiderio. Parte 1
1. Introduzione Il pensiero è una forza generativa che permea ogni aspetto della nostra esistenza, sia a livello indi...
Leggi
Sussidiario dei Devanimali. L’angolo dei libri di Juliane Biasi Hendel
Sussidiario dei Devanimali. L’angolo dei libri di Juliane Biasi Hendel
Sdraiata sul prato in compagnia del mio bambino interiore, stanco e imbronciato, mi lascio cullare dal profumo verde ...
Leggi
Torna al blog

Lascia un commento

Si prega di notare che, prima di essere pubblicati, i commenti devono essere approvati.