English en
  • English en
  • Italiano it
English en
  • English en
  • Italiano it
Cart 0

Arte come strumento di crescita spirituale - Parte 3

Paola Marchi bene dell'essere umano connubio arte e crescita spirituale opportunità di auto guarigione Paola Marchi

Arte come strumento di crescita spirituale - Parte 3

L'Arte si presenta quindi, nella sua funzione più alta, come un'opportunità di auto guarigione. Una strada difficile certo, non meno di qualunque altra strada che abbia come fine ultimo il bene dell'essere umano.

Con “bene” intendo tutto ciò che ha a che fare con i termini: gioia, serenità, pace, centratura, apertura, costruzione, responsabilità, autoaffermazione spontanea per merito. La lista è lunga e non vale la pena di fare un elenco, perché si rischia di ottenere l'effetto contrario e cioè rinforzare le tendenze alla morte che caratterizzano la nostra epoca.

Il connubio arte e crescita spirituale è fondante del mio percorso artistico e umano.

Arte come strumento di crescita spirituale - Parte 3

Ho passato anni senza dipingere, dopo che nel mio percorso di ricerca, incappai nel pensiero di Gurdjieff circa l'Arte Soggettiva e l'Arte oggettiva.

Cosa si intenda con questa differenza, lo lascio scoprire a chi crede nella possibilità che Arte e Crescita spirituale siano un connubio possibile. Scrissi un articoletto, anni fa, sul mio blog, che parla della mia esperienza individuale e quindi non ha alcuna pretesa di sciogliere la questione.

Questione peraltro che sarebbe oltremodo presuntuoso ambire a sciogliere. Quando ho capito che nel mio percorso, l'atto di presunzione si poteva pericolosamente celare dietro il Diamon che mi spingeva ad andare avanti, nonostante tutto e nonostante tutti, mi son fermata e ho mollato la presa.

Arte come strumento di crescita spirituale - Parte 3

Adesso la riprendo grazie all'incontro con l'editore Fontana, che si aggiudica il primo premio della lotteria "Aureolina d'oro", scattata durante la mia prima personale al Castello Malaspina di Massa (MS), tra il serio e il faceto.

Il faceto si è autoeliminato da solo, il motivo ancora resta avvolto da mistero, il serio è restato, come è giusto che sia. Se una cosa è seria, può travestirsi da qualsiasi cosa, ma la sua natura resta e prima o poi è destinata a manifestarsi.

Paola Marchi



Older Post Newer Post

Post correlati

The Power of a Question
The Power of a Question
There are no right and wrong questions. And equally there are no allowed and legitimate questions nor not allowed, or...
Leggi
Recensione: I fiori del silenzio di Harish Enrico
Recensione: I fiori del silenzio di Harish Enrico
La sensazione che ho avuto nel leggere I fiori del silenzio di Harish Enrico è stata quella di leggere un libro scrit...
Leggi
Recensione: Gli aforismi di Nārada
Recensione: Gli aforismi di Nārada
Comincio questa recensione di Gli aforismi di Nārada di Valentino Bellucci con una premessa che ritengo doverosa. E l...
Leggi
Parliamo di libri: Diario di un’ostetrica al contrario
Parliamo di libri: Diario di un’ostetrica al contrario
Parliamo di libri nell’angolo di Juliane Biasi Hendel: Per morire bene e sereni ci vuole un’accompagnatrice preparata...
Leggi
Ecologia umana: la base della relazione consapevole
Ecologia umana: la base della relazione consapevole
Dalla relazione consapevole con noi stessi e con l’ambiente che ci circonda, non solo dipende la qualità della nostra...
Leggi
La Pedagogia del Bambino Vero. Intervista con Nicoletta Geniola
La Pedagogia del Bambino Vero. Intervista con Nicoletta Geniola
Per CCBlog, intervistiamo Nicoletta Geniola, autrice de “La Pedagogia del Bambino Vero” CCBlog: Da cosa nasce l’esige...
Leggi