Follia e Sviluppo Spirituale. Riflessioni sulla propria paura Fontana Editore

Follia e Sviluppo Spirituale. Riflessioni sulla propria paura

 Follia e Sviluppo Spirituale. Riflessioni sulla propria paura

Una delle prove più complesse da affrontare, ad un certo punto dello sviluppo spirituale, è quella di dover affrontare diverse riflessioni sulla propria paura.

Parlare di quest'argomento è impresa ardua, perché equivale a lanciarsi in un mare in tempesta. Una delle armi più potenti della paura è quella di coglierti impreparato. In questo sta, a mio avviso, la sua più grande forza e il suo più grande insegnamento.

Di fronte alla paura infatti, qualunque sia lo shock esterno che la produce, siamo tutti impreparati e questo produce due tipi di reazione: il blocco totale oppure la spinta.

La prima reazione, la più naturale e umana, è però la rabbia. Per affrontare la paura, infatti, bisogna prima aver affrontato la nostra rabbia interiore. In quello, ognuno è libero di scegliere il metodo che più preferisce; si va dagli esorcismi - nei casi di rabbia che esplode ciecamente e quindi pericolosamente, perché imprevedibile nelle sue manifestazioni - alle protezioni e infine alla preghiera e ai vari percorsi spirituali o di crescita interiore. Lo scopo ultimo dello sviluppo spirituale, comunque, è la pacificazione interiore e il processo dovrebbe avvenire il più rapidamente possibile, di questi tempi.

Una volta ottenuta la cura per la rabbia ci si può dedicare allo studio del fenomeno della paura.

Quest’ultima è un'emozione e non un sentimento. Attiene infatti a una sfera più grossolana del sentire, una sfera legata alla nostra parte animale. Di fronte alla morte, la prima reazione è infatti di paura. Chi dice di non temere la morte, semplicemente non la affronta. La morte terrorizza perché è la fine di tutto ciò che noi crediamo reale.

Per superare la paura della morte, che tra le paure è la più onnicomprensiva, in quanto è la più ancestrale e quindi archetipica e quindi sta dietro a tutte le altre manifestazioni, bisogna fare esperienza della morte stessa e così scoprire che può non esistere. Come? Per prima cosa avendone paura.

Sembra un gioco mentale - e in effetti lo è - e rimane tale finché non si riesce a scioglierlo.

Arrivati a questo punto della speculazione, non resta che portare la testimonianza esperita direttamente. La vita infatti altro non è che la testimonianza della vita stessa. Se sono vivo sono, mio malgrado, messaggero di qualche messaggio che porto.

Che messaggio mi piacerebbe portare con la mia esistenza?

Questa è una domanda utile per iniziare ad affrontare la paura della morte, il proprio sviluppo spirituale che, ricordo, riguarda tutti, non solo chi ci pensa!

Paola Marchi

Post correlati

The seven types of men according to Gurdjieff
The seven types of men according to Gurdjieff
There are seven types of men, according to the master George Ivanovich Gurdjieff, the enigmatic 20th-century philosop...
Leggi
Attention parents of children aged 4 to 10, who are interested in holism, spirituality and esotericism!
Attention parents of children aged 4 to 10, who are interested in holism, spirituality and esotericism!
This is a letter addressed to you, who are interested in holism, spirituality and esotericism. Are you looking for a ...
Leggi
A school for the Soul. Second part
A school for the Soul. Second part
As many of you will know, the vibrational frequency of our Planet is changing, it is rising, we are heading towards t...
Leggi
A school for the Soul. First part
A school for the Soul. First part
An educational proposal per the children of the new Era. My dream is about one Revolution. Of a silent and loving rev...
Leggi
The
The "non-station" of the Japanese railways
Found on a page of esotericism and spirituality usually full of narcissistic trifles and pedantry that lead nowhere. ...
Leggi
Homer's Cat is not just a children's book
Homer's Cat is not just a children's book
Immerse yourself in the here and now, let go of every thought, every small and large worry that hinders our path. ...
Leggi
Back to blog

Leave a comment

Please note, comments need to be approved before they are published.