Liberare i propri figli dalla “catena” delle relazioni tossiche -2 Fontana Editore

Liberare i propri figli dalla “catena” delle relazioni tossiche -2

Una famiglia tossica è in primis una coppia di partner infelici, incapaci di amore incondizionato, prima di tutto per se stessi e di conseguenza anche verso l’altro. Amare incondizionatamente significa, come prima cosa, uscire dal giudizio. Questa incapacità deriva dal fatto che la maggior parte delle persone ignora la propria luce e di conseguenza anche quella degli altri! Quando conosci e scopri la luce dentro di te non puoi che vederla anche nell’altro, condividerla e manifestarla!

Molti sono i bambini costretti a subire le liti tra i propri genitori, a divenire “spettatori silenziosi” di violenze verbali e fisiche e non solo. La maggior parte dei genitori non hanno costruito un legame spirituale di amore puro tra loro, ma solo legami astrali, distruttivi e manipolativi. Quanti genitori fanno pesare ai figli la disarmonia di coppia, quanti i bambini che si sentono colpevoli di essere il “problema” dell’infelicità dei propri genitori, quanti quelli che ancora da adulti portano dentro di se i traumi e le cicatrici di una colpa non colpa? Forse anche tu che stai leggendo!

Non è un atteggiamento sano e da genitore maturo, far pesare le proprie scelte sbagliate sui figli!

“Se non era per voi sarei già andato/andata via”, “Sopporto tutto solo per il “bene” dei miei figli”, ecc). Fare dei propri figli l’unica ragione di vita annullandosi completamente non è un bene, come non lo è essere egoisti o narcisisti! Lo so, fare il genitore non è facile, ma credetemi, non è neanche facile essere “figli” di genitori incoscienti e distruttivi! Scrivo figli tra virgolette perché il più delle volte, nelle famiglie tossiche è ricorrente lo scambio dei ruoli e specie in questi casi i figli, ahimè, si trovano a dover fare i genitori dei loro “genitori”!

L’amore incondizionato non si basa sul libero arbitrio, sì, quello ci è stato donato, ma ad esso viene aggiunta la volontà e la capacità di scegliere che risiede nel cuore. Spesso e volentieri queste capacità vengono compromesse da un “sistema educativo” gravemente disfunzionale, del quale parlerò più nello specifico in un prossimo articolo.

Il punto non è fare “ciò che si vuole”, ma “volere ciò che si fa”. La differenza è sottile, ed è proprio nelle sfumature quasi invisibili che va colta la verità! Nel primo caso è l’apparato mentale ed emotivo a volere - dunque la nostra personalità -, nel secondo è il cuore, è la nostra spiritualità a volerlo. La scelta ha un valore, e questo stesso valore resta tale quando siamo davvero noi a scegliere, ma il più delle volte non è così anche quando ci si illude che lo sia!

Eh sì, l’uomo non sa scegliere, da sempre si ripete adottando le scelte di altri e lasciandosi condizionare ! Né sa decidere cosa è realmente giusto, perché è più comodo che lo facciano altri per lui.

In fondo è sempre stato così, i genitori scelgono per i loro figli, lo stato sceglie per i cittadini e le religioni scelgono per l’intera “umanità”. Basta osservare la maggior parte delle situazioni per capire che pochi sono quelli davvero felici delle “loro” scelte e pochi quelli che hanno scelto dal cuore!

Per far si che il bambino possa godere a pieno di una relazione sana all’interno della sua famiglia è bene che entrambi i partner, “mamma e papà”, abbiano stabilito un legame sano, privo di tensioni, manipolazioni, consapevoli del rispetto della propria vita e di quella dell’altro!

Il rispetto della VITA è alla base di un rapporto sano, perché rispettare la vita significa innanzitutto accorgersi di non farlo.

VITA è tutto ciò che vibra, è il movimento armonico di una certa frequenza che entra costantemente in risonanza con noi. Vita è energia, coscienza, è tutto ciò che di buono riusciamo a dare e ricevere, o meglio, ad emanare. Tale emanazione cosciente è un vero e proprio scambio, è tale scambio è possibile realmente solo se vi è amore e consapevolezza!

Quando tutto questo manca, l’armonia nella relazione tra le cose viene meno e lo scambio cosciente cessa di esistere.

Vai alla prima parte dell'articolo >>>

Vai alla terza parte dell'articolo >>>

Post correlati

L’uomo e la donna di Victor Hugo
L’uomo e la donna di Victor Hugo
Una splendida poesia di Victor Hugo che esalta e chiarisce il rapporto tra uomo e donna. Non ce ne vogliano i portaba...
Leggi
Arte Oggettiva. Alcune note sulla musica di Gurdjieff
Arte Oggettiva. Alcune note sulla musica di Gurdjieff
Dio sia indulgente per questi miei goffi e ingenui tentativi. È stato detto che conoscere le vere regole che governan...
Leggi
La Lena e le rose d'oro, leggenda e lavoro su di sè
La Lena e le rose d'oro, leggenda e lavoro su di sè
Il termine "leggenda"deriva dal latino "legenda"che significa "cose da leggere", ed indicava in origine la storia ese...
Leggi
Self-Work: Exploring Gurdjieff's Approach and Its Spiritual Implications
Self-Work: Exploring Gurdjieff's Approach and Its Spiritual Implications
Today we talk about "work on oneself", a profound and transformative concept, which has been widely explored in vario...
Leggi
Inner Looks: The Importance of Meditation in Understanding and Cultivating Our Connection with the Divine
Inner Looks: The Importance of Meditation in Understanding and Cultivating Our Connection with the Divine
In a frenetic and increasingly connected and increasingly external world, we often forget to take a look inside. What...
Leggi
The seven types of men according to Gurdjieff
The seven types of men according to Gurdjieff
There are seven types of men, according to the master George Ivanovich Gurdjieff, the enigmatic 20th-century philosop...
Leggi
Back to blog

Leave a comment

Please note, comments need to be approved before they are published.