Italiano
  • English
  • Español
  • Italiano
Carrello 0

Giorni contati. Ma quanto dura ancora l'Universo?

Tzur Trevi bibbia conoscenza Kabbalah Shemittah

Giorni contati. Ma quanto dura ancora l'Universo?

C'è un insieme di regole di kabbalah, basate su alcuni passaggi della Bibbia, che ci portano a stabilire con una certa sicurezza quale sarà la durata complessiva di questo Universo. Questa durata è di 17.897.446.000 anni solari, circa. Ci sarebbero sette Shemittòt, fatte ciascuna di 7.000 anni, sì, ma "divini", ed il fattore di conversione è nascosto nel Salmo 90. La scienza ufficiale parla di 18 miliardi di anni mal contati prima della totale entropia che porterà l'universo ad essere un guscio spento, freddo e vuoto. La Kabbalah è lì bella precisa come quelli della mascherpa. Attualmente viviamo nella Sesta Shemittah delle sette totali, l'ultima in cui ci sarà della vera attività nell'Universo a cui seguirà un Riposo sabbatico che condurrà all'inevitabile collasso finale. Per la scienza ufficiale siamo infatti, concordemente, nel corso del 13° (,2) miliardo di anni dal Big Bang.

Tutto questo ce l'ha spifferato Rav Aryeh Kaplan ad un congresso di rabbini nel 1979, parlando del significato effettivo della storia dell'Universo creato in Sei Giorni. (Il Settimo si riposò). Adesso direte: “sì, vabbè ma era un rabbino ortodosso...”. Vero. Purtroppo per noi Aryeh Kaplan era anche un astrofisico laureatosi al M.I.T. di Boston cum laude.

Teniamo duro con fiducia, e ricordiamo che se non ce la facciamo a battere il Covid, ed i politici che vivono e prosperano su di esso, entro 4,75 miliardi di anni, poi ci penserà l'Universo ad estinguerci comunque tutti, dando per scontato che nel frattempo i 5 stelle avranno risolto con Toninelli il dettaglio minore della trasformazione del Sole in una nana bianca.

Era per infondere un po' di ottimismo.

Comunque trattandosi di un Multiverso ad 11 stringhe, tutto il party in corso continuerà nelle altre stringhe rimanenti, in attesa che il Creatore faccia fare i lavori ed affitti il presente universo ai cinesi uso officina, che lo riempiano come un uovo di gente che produce schede madri, 19 ore al giorno, per meno di 8 euro a testa.

Comunque anche questo conferma, se ce ne fosse bisogno, che quando non avete niente di meglio da fare e da leggere che la cara veccia Bibbia si conferma una lettura avvincente e piena di segreti e meraviglie, sempre che si sappia come leggerla. Al contrario di quanto sostiene qualcuno che col "...facciamo finta che" finisce per farti credere di aver visto degli Anunnaki su di un disco volante al plasma che sorvolavano sparati lo zigurrat del tuo bisnonno, in piena zona arancione.

Di tutto e di più nel mio prossimo libro in uscita.

Shalom



Articolo più vecchio Articolo più recente


Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti sono soggetti ad approvazione prima di essere pubblicati

Post correlati

Il Buddhismo Loro e il Buddhismo Tuo
Il Buddhismo Loro e il Buddhismo Tuo
Oramai si è verificata una scissione insanabile fra il buddhismo orientale e quello occidentale, fra il buddhismo in ...
Leggi
Riflessioni sulla Geomanzia 2
Riflessioni sulla Geomanzia 2
Kan ya makan, fi qadim az-zaman… c’era una volta in un tempo lontano, iniziano così le fiabe arabe. Oggi voglio condu...
Leggi
Il mio incontro col male. Prefazione
Il mio incontro col male. Prefazione
Pubblico libri che spero possano essere d’aiuto al sincero ricercatore spirituale, e cerco sempre di rispettare quest...
Leggi
PECORE NERE. L’angolo dei libri di Juliane Biasi Hendel
PECORE NERE. L’angolo dei libri di Juliane Biasi Hendel
Ci chattiamo, io e il mio amico Fontana, per pranzare insieme. Lui arriva, sotto braccio alcuni dei suoi libri, tra c...
Leggi
Enrico Harish Campanile e I fiori del silenzio - Intervista
Enrico Harish Campanile e I fiori del silenzio - Intervista
CCBlog è lieta di presentare un'intervista esclusiva a Enrico Harish Campanile, autore del bel libro I fiori del sile...
Leggi
Riflessioni sulla Geomanzia 1
Riflessioni sulla Geomanzia 1
La prima parte del libro LA SCIENZA DELLA SABBIA parla del modo in cui è nata, si è diffusa e poi si è standardizzata...
Leggi