Recensione - Anima e Spada di Elisa Cappelli Fontana Editore

Recensione - Anima e Spada di Elisa Cappelli

Anima e Spada è un vero e proprio magnete. Così come attira il titolo, così incanta il suo contenuto. Un libro prezioso, in cui l'autrice volge uno sguardo generoso alle Anime più deboli e sensibili, spesso vittime inconsapevoli o consapevoli dei soprusi della supremazia "nemica", spesso narcisista.

Nella realizzazione di questo lavoro la Cappelli ci indica un vincente stile di vita, volto all'ascolto di sé e alla connessione con il proprio centro, con il proprio cuore, all'insegna dei valori e della vita di relazione, intesa in senso più ampio, come corpo, mente e spirito.

Elisa Cappelli offre molti spunti di riflessione e aiuto concreto, per permettere, a chi è intrappolato, di ritrovare la propria forza, di "valutarla", "praticando l'arte dell'ascolto e dell'amore per sé stessi". Trovare la propria forza, per "difendersi da chi ci si siede sopra", dal nemico che "si insinua", che "manipola", che "indebolisce" e "svilisce". È la spada che "rappresenta la precisione del cuore", poiché "il cuore è preciso".

Elisa Cappelli invita a non stare al gioco, a "saper stare nel dolore il giusto tempo", ad accogliere anche emozioni come rabbia e collera e a "non perdere il timone". Grandi alleati sono le "forze frontali" e le "forze laterali": le prime si riferiscono al carattere e all'anima, che, "coltivati e rispettati", "permettono il fiorire dei talenti"; le seconde, invece, rappresentano le "amicizie e i legami importanti", che vanno "mantenuti e rinfrescati continuamente". Il nemico "controlla e spia" e la strategia vincente risulta il "parlare poco e l'ascoltare molto": "il silenzio e l'ascolto".

Le efficaci tecniche strategiche proposte dall'autrice scaturiscono dalla sua vasta esperienza in campo spirituale, mitologico e anche nelle arti marziali.

Bellissimo il riferimento mitologico alla dea Iside, "la scandalosa e la magnifica", di cui ci offre il famoso inno e, ispirandosi allo stesso, l'invito è quello di risvegliare la dea in noi, "come archetipo e come forza" e sentirne il "potere pieno".

Altri suggerimenti per recuperare le proprie forze provengono dall'esercizio fisico, dala meditazione, dall'alimentazione sana e leggera, dal contatto con la natura, dala compassione verso gli altri. E il riferimento alla connessione con il proprio cuore è costante, la nostra dimora, il fuoco generoso, per non dimenticare quanto si vale e ricordarsi di mettersi sempre al primo posto.

E il "cuore è a proprio agio e sorride, anche durante le grandi tempeste!".

Post correlati

Pensiero e desiderio. Parte 2
Pensiero e desiderio. Parte 2
3. Volere è potere Con Nietzsche la riflessione dell’Occidente prende una strada diversa. Il legame tra desiderio e p...
Leggi
Pensiero e desiderio. Parte 1
Pensiero e desiderio. Parte 1
1. Introduzione Il pensiero è una forza generativa che permea ogni aspetto della nostra esistenza, sia a livello indi...
Leggi
Sussidiario dei Devanimali. L’angolo dei libri di Juliane Biasi Hendel
Sussidiario dei Devanimali. L’angolo dei libri di Juliane Biasi Hendel
Sdraiata sul prato in compagnia del mio bambino interiore, stanco e imbronciato, mi lascio cullare dal profumo verde ...
Leggi
L’uomo e la donna di Victor Hugo
L’uomo e la donna di Victor Hugo
Una splendida poesia di Victor Hugo che esalta e chiarisce il rapporto tra uomo e donna. Non ce ne vogliano i portaba...
Leggi
Arte Oggettiva. Alcune note sulla musica di Gurdjieff
Arte Oggettiva. Alcune note sulla musica di Gurdjieff
Dio sia indulgente per questi miei goffi e ingenui tentativi. È stato detto che conoscere le vere regole che governan...
Leggi
La Lena e le rose d'oro, leggenda e lavoro su di sè
La Lena e le rose d'oro, leggenda e lavoro su di sè
Il termine "leggenda"deriva dal latino "legenda"che significa "cose da leggere", ed indicava in origine la storia ese...
Leggi
Torna al blog

Lascia un commento

Si prega di notare che, prima di essere pubblicati, i commenti devono essere approvati.