Italiano it
  • English en
  • Italiano it
Italiano it
  • English en
  • Italiano it
Carrello 0

Shams di Tabriz - Le 40 regole dell'amore - Giorno 17

Tzur Trevi Le 40 regole dell'amore Microcosmo Monaco zen Shams di Tabriz

Shams di Tabriz - Le 40 regole dell'amore - Giorno 17

Proponiamo la REGOLA 17 da Shams di Tabriz - Le 40 regole dell'amore di prossima pubblicazione, perchè quanto mai attuale per questo periodo di straordinari accadimenti.

L'intero universo è contenuto in un singolo essere umano: tu. Tutto ciò che vedi in giro, comprese le cose a cui potresti non essere affezionato e persino le persone che disprezzi o aborri, è presente dentro di te in vari gradi. Pertanto, non cercare nemmeno Shaitan (Satana) fuori di te. Il diavolo non è una forza straordinaria che attacca dall'esterno. È una normale voce interiore. Se ti prepari a conoscerti a fondo, lo affronterai con onestà e durezza.

Diceva il suo allievo, Maestro Rumi, Hazreti Mevlana,

“Non sentirti solo: l’intero Universo è dentro di te.”, ma anche:

“Tu non sei una goccia in un Oceano: tu sei l’oceano in una Goccia.”

Tu sei il Microcosmo, Il tuo aspetto è quello del Piccolo Volto, il Microprosòpon, che si riflette nel Grande Volto.

Tu sei la tua stessa Porta che si apre che e dà direttamente sull’Infinito interiore.

Le cose che ti infastidiscono negli altri, sono in realtà quelle che infastidiscono Te. Sono lo specchio dei tuoi stessi difetti, che la vita ti obbliga a guardare.

Per questo, chiunque, in realtà è una presenza preziosa nel film che è la tua vita e di cui sei attore, sceneggiatore e regista. Ci possono stare in questo cosmo divinamente caotico, ugualmente utili, sia Adolf Hitler che Albert Sabin.

Lo tzadik autentico è equanime ed imperturbabile. Sereno alla presenza di chiunque, non disturbabile da alcuno. Vigile sempre, mai giudicante. Ma riconosce senza esitare il Male dal Bene. Si approssima a quest’ultimo, prende le distanze dal primo.

Lo tzadik non chiama l’Esorcista. Sa usare con se stesso, in quanto Diavolo, quella onestà e quella ferma durezza senza sfumature o compromessi che sa che deve essere usata in quel momento.

Jean Paul Sarte, celebre filosofo esistenzialista, marxista, materialista ed ateo, giunse alla per lui prevedibile conclusione che “l’Inferno sono gli Altri”. Sbagliato.

L’Inferno siamo noi.

O meglio, comprendiamo tutto nel nostro Microuniverso interiore, compresi i Cieli, la terra, il Giardino dell'Eden e le fiamme dell’Inferno, il Santo ed il Demonio.

Sta a noi impartire un vettore decisivo e preciso verso la Luce, rettificando con consapevolezza solare e gentile operatività noi stessi, così da diffondere intorno a noi amore incondizionato, esempio, e Luce.

Aiutare l'Altro è sempre aiutare, in primis, noi stessi. Benedici dunque sempre l'Altro e ringrazialo fraternamente dell'opportunità che ti ha offerto in dono, di poter, in quel momento dato, scegliere ed agire con Sapienza.

Discutendo un giorno con un Monaco zen, per lui terribilmente irritante, ed avendo chiesto a questi, senza ottenere risposta, “Che cosa sono il Paradiso e l’Inferno?”, un famoso Samurai perse le staffe ed aggredì fisicamente il Monaco. Sguainò di colpo la sua katana. Senza fare una piega il Monaco con gli occhi semichiusi ed un ineffabile sorriso sul volto gli disse: “Ecco, questo è l’Inferno.”. Il Samurai si arrestò, come folgorato. Dopo un istante interminabile, lentamente rinfoderò la spada. “E questo è il Paradiso” disse allora il Monaco, sempre senza mostrare la minima emozione. In quel momento il Samurai venne Illuminato. Si inchinò profondamente al suo Maestro, e si allontanò, guarito dall’Odio.

Shalom le Kullam



Articolo più vecchio Articolo più recente


  • Franco il

    Legge dello specchio, verifica e rettifica Uno in tutto e tutto in uno
    Buone riflessioni

  • Giorgio Refieuna il

    Splendido!

  • Giorgio Refieuna il

    Splendido!


Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti sono soggetti ad approvazione prima di essere pubblicati

Post correlati

Riflessioni sulla Geomanzia 2
Riflessioni sulla Geomanzia 2
Kan ya makan, fi qadim az-zaman… c’era una volta in un tempo lontano, iniziano così le fiabe arabe. Oggi voglio condu...
Leggi
Il mio incontro col male. Prefazione
Il mio incontro col male. Prefazione
Pubblico libri che spero possano essere d’aiuto al sincero ricercatore spirituale, e cerco sempre di rispettare quest...
Leggi
PECORE NERE. L’angolo dei libri di Juliane Biasi Hendel
PECORE NERE. L’angolo dei libri di Juliane Biasi Hendel
Ci chattiamo, io e il mio amico Fontana, per pranzare insieme. Lui arriva, sotto braccio alcuni dei suoi libri, tra c...
Leggi
Enrico Harish Campanile e I fiori del silenzio - Intervista
Enrico Harish Campanile e I fiori del silenzio - Intervista
CCBlog è lieta di presentare un'intervista esclusiva a Enrico Harish Campanile, autore del bel libro I fiori del sile...
Leggi
Riflessioni sulla Geomanzia 1
Riflessioni sulla Geomanzia 1
La prima parte del libro LA SCIENZA DELLA SABBIA parla del modo in cui è nata, si è diffusa e poi si è standardizzata...
Leggi
La dura vita dei filosofi ebrei, tra ragione e rivelazione. Aristotele e la Torah
La dura vita dei filosofi ebrei, tra ragione e rivelazione. Aristotele e la Torah
Dopo Saadia continua anche nella nascente filosofia ebraica, e nel resto del mondo intorno ad essa, il REVIVAL ARISTO...
Leggi